contatti

La stampa scrive

Italpress: Anief, anche Pdl si schiera con precari di lungo corso

"La battaglia per salvaguardare il diritto all'assunzione dei precari non ha colori politici: dopo diversi deputati della sinistra, anche i rappresentanti dello schieramento opposto si schierano con l'Anief per interrompere la piaga dell'abuso dei contratti a tempo determinato nella scuola italiana. Oggi a sostenerlo chiaramente è stata l'eurodeputata del Pdl Erminia Mazzoni durante un dibattito sulla scuola italiana tenuto alla Commissione Petizioni del Parlamento Ue presieduta dalla stessa Mazzoni". Lo afferma in una nota l'Anief.

"L'eurodeputata ha ricordato, come sostiene da tempo l'Anief, che l'Italia ignora totalmente la direttiva comunitaria 1999/70/CE, secondo cui il personale che ha svolto oltre 36 mesi di lavoro negli ultimi 5 anni va automaticamente assunto a tempo indeterminato: in questo modo il nostro Paese, ha sottolineato Mazzoni, continua a rimanere 'al di fuori della normativa comunitaria' ed è quindi giunta l'ora che l'Unione europea intervenga 'per ripristinare la legalità' - prosegue il sindacato -. L'Anief tiene a precisare che proprio in questi giorni la Commissione dell'Ue è stata informata di questa ingiustizia tutta italiana. A farlo è stato Marcello Pacifico, presidente dell'Anief e delegato Confedir per la scuola, che è volato a Bruxelles e a Strasburgo proprio per depositare una circostanziata denuncia del sindacato per la reiterata violazione dell'Italia della direttiva comunitaria 1999/70 e annunciare l'arrivo, sul tavolo della Commissione, di migliaia di denunce sottoscritte dai precari docenti e Ata della scuola italiana".

Pacifico dichiara che "a questo punto lo Stato italiano rischia davvero di incorrere in condanne milionarie. Dovrà quindi obbligatoriamente rivedere le sue spese. E assegnare, perché costretto, le sue risorse alla stabilizzazione del personale deputato al normale funzionamento della macchina amministrativa piuttosto che ai costi della politica".

"Evidentemente la messa in mora dell'Italia in merito alla procedura 2124/10 relativa al personale non docente della scuola non è bastata - conclude Pacifico -. I parlamentari italiani sanno bene che adottare una deroga a questa direttiva, come accaduto attraverso la legge 106/11, non può essere la soluzione al problema. Continuare ad imporre le ragioni economiche e ad ignorare lo stato di diritto dell'Unione e dei suoi cittadini non è più giustificabile".

Fonte: Italpress