contatti

La stampa scrive

Tecnica della Scuola: sindacati, l’enigma dei voti e delle deleghe: primeggia la Flc-Cgil, ma la Cisl incassa più tessere

In attesa dell’approvazione del regolamento per il rinnovo delle Rsu nelle scuole dimensionate, l’Aran fornisce i dati della tornata elettorale dello scorso marzo e degli iscritti: l’organizzazione di Pantaleo fa il pieno di consensi alle urne, ma quella di Scrima comanda saldamente per numero di deleghe. Stesso esito per Snals e Uil. E tra le organizzazioni minori: l’Anief prende meno voti, ma vanta più iscritti dell’Unicobas. Riprendono intanto le "scaramucce".

A meno di un anno dall’ultima tornata di elezioni delle rappresentanze dei lavoratori della scuola, nelle prossime settimane una bella fetta degli istituti pubblici (quelle dimensionate) sarà chiamata ad un altro rinnovo delle Rsu. L’ipotesi di accordo su cui Aran e sindacati hanno lavorato e definito una bozza definitiva, come già comunicato su questo sito internet, sta ora seguendo l’iter di verifiche e pareri da parte della Funzione Pubblica e del Mef (poi sarà la volta della Corte dei Conti).

“Tale Ipotesi – ha commentato l’Aran - consente di adeguare la normativa vigente alla particolare situazione determinatasi nel settore della Scuola a seguito dei processi di dimensionamento delle istituzioni scolastiche, nell’ottica di rispettare il principio dell’unicità della RSU e, al tempo stesso, garantire la stabilità della stessa”.

In attesa del ritorno alle urne d’istituto da parte di decine di migliaia di lavoratori della scuola, l’Aran ha reso pubblici i conteggi riguardanti l’esito delle elezioni svolte nella prima decade di marzo 2012. E, per la prima volta contemporaneamente, ha anche reso noto il numero di deleghe, che rappresentano le iscrizioni dei lavoratori agli stessi sindacati.

Il quadro che ne è uscito fuori va a costituire quello che sempre l’Aran definisce “l’accertamento della rappresentatività sindacale per il triennio 2013-2015”. Andando ad esaminare il comparto Scuola, diciamo subito che gli equilibri rimangono sostanzialmente immutati. La Flc-Cgil, come già rilevato, primeggia per numero di voti: oltre 257mila lavoratori l’hanno indicata come l’organizzazione più indicata a cui affidare la difesa dei propri diritti professionali all’interno dell’istituto dove operano. Segue la Cisl Scuola, con circa 191mila preferenze.

Un po’ curiosamente, il sindacato di Francesco Scrima, però, si rifà ampiamente quando si vanno ad esaminare le deleghe: se la Flc-Cgil si ferma a 128mila tessere, la Cisl Scuola tiene saldamente il comando di questo versante con oltre 154mila sostenitori.

Lo stesso genere di alternanza si registra anche per altri due sindacati più rappresentativi. Se, infatti, la Uil Scuola è riuscita a superare lo Snals-Confsal per numero di votanti Rsu (119mila contro 115mila), anche in questo caso la quantità di deleghe è invertita: l’organizzazione guidata da Marco Paoli Nigi sfiora, infatti, i 100mila iscritti (99.405), mentre quella con a capo Massimo Di Menna si ferma a poco più di 72mila.

Il quinto e ultimo sindacato che si siede al tavolo delle trattative con il Miur rimane la Gilda degli Insegnanti, che in occasione del rinnovo delle Rsu del 5, 6 e 7 marzo scorsi ha riscosso quasi 50mila voti. La stessa quantità che viene registrata per le deleghe.

Il fenomeno delle deleghe non proporzionali alle preferenze uscite dall’urna si registra anche tra le organizzazioni minori. I Cobas, ad esempio, con 15.664 voti si confermano (pur perdendo terreno) la prima rappresentanza di lavoratori che non manda i proprio sindacalisti a trattare con il Miur. Ma se poi si va a vedere il numero di iscrizioni al sindacato, si scopre che la sesta posizione è ad appannaggio dell’Anief: l’organizzazione gestita da Marcello Pacifico, infatti, evidentemente grazie alle vertenze vinte nei tribunali, a soli quattro anni dalla nascita si ritrova già 8.623 iscritti (a fronte di quasi 10mila voti Rsu). Mentre i Cobas si devono accontentare di 6.533 deleghe.

Stesso discorso per Cisal Scuola e Unicobas Scuola: il sindacato di d’Errico ha incassato, sempre in occasione del rinnovo delle rappresentanze d’inizio marzo, 4.168 voti; il numero di deleghe, però, non raggiunge le 2mila unità. Mentre la Cisal ha sì preso appena 2.616 voti, ma le tessere sono di più (3.899).

Tra le reazioni dei diretti interessati che si sono susseguite in questi ultimi giorni, c’è quella particolarmente positiva espressa dal segretario generale della Uil Scuola: “I numeri parlano chiaro – commenta il sindacalista - l’azione sindacale non solo non è in crisi ma le persone scelgono il modello di sindacato che sentono più vicino. Tra il 2007 e il 2011 per numero di nuovi iscritti, la Uil Scuola risulta al primo posto passando da 65.165 a 72.127 con + 6.962. Con consensi sempre crescenti stiamo affrontando con determinazione e chiarezza l’attuale complessa fase che richiede un forte impegno per la qualità della scuola pubblica”.

Ad essere entusiasta è anche Marcello Pacifico (Anief), secondo cui i dati riportati dall’Aran rappresentano un segnale “importante se si pensa che finalmente, dopo venti anni, nella scuola si comincia a percepire un'alternativa ai sindacati tradizionali di potere o di base. La scelta di non connotare ideologicamente il nuovo sindacato, ma di orientarlo alla tutela dei diritti attraverso il sapiente ricorso alla magistratura, - conclude Pacifico - oggi risulta non soltanto apprezzata dai colleghi ma vincente in un momento in cui la contrattazione è bloccata”.

Decisamente polemico, con riferimenti impliciti agli altri sindacati, è il commento della Flc-Cgil: “ la sindacalizzazione fra i lavoratori della conoscenza – scrive l’organizzazione guidata da Mimmo Pantaleo - è cresciuta ma non per tutti. Perdono iscritti, e anche sensibilmente, quelle organizzazioni che per questo vantavano il primato”. La Flc-Cgil sostiene poi che gli ultimi accadimenti faranno pendere ancora più la bilancia a proprio favore: “la recente vicenda dello sciopero e della manifestazione del 24, prima proclamati e poi sospesi o revocati per il solo fatto di essere stati ammessi a sedere al tavolo con tre ministri e un sottosegretario, - scrive sempre l’organizzazione di via Leopoldo Serra - ha suscitato la reazione di migliaia di lavoratori che sono scesi in piazza con la Flc Cgil, che ci hanno mandato messaggi di sostegno e solidarietà, che hanno deciso di lasciare tessere ormai senza valore”.

Di avviso opposto la Cisl Scuola, che non manca l’occasione di rispondere per le rime. “Sono ancora una volta i numeri, alla fine, a restituire il giusto senso delle proporzioni, facendo giustizia delle parole in libertà con cui, approfittando della generosa ospitalità di una rivista on line, qualcuno si è autonominato vincitore delle elezioni, con arditezze di calcolo e di ragionamento che lasciano strabiliati. Non avremmo altro da aggiungere, perché le tabelle diffuse dall’Aran parlano da sole. La Cisl Scuola conferma un saldo primato nel numero degli iscritti, incrementando sia pur di poco la percentuale di consensi elettorali, in una tornata di rinnovo delle Rsu – conclude il sindacato di Scrima - nella quale erano in tanti ad attendersi (e ad augurarsi) un suo tracollo”.

Insomma, altro che tregua per combattere assieme il tentativo del Governo di imporre le 24 ore settimanali d’insegnamento e blocco degli scatti automatici in busta paga: la nuova stagione elettorale per il rinnovo di migliaia di Rsu nelle scuole dimensionate è già entrata nel vivo.

Fonte: Tecnica della Scuola