contatti

La stampa scrive

Italpress:
 università, test numero chiuso: Anief, stop inevitabile, ora via 'bonus'

"Anief lo aveva detto in tempi non sospetti: il modello voluto dall'ex ministro Profumo avrebbe comportato una chiara lesione ai diritti dei neo-diplomati". E' quanto si legge in una nota dell'Anief.

Il presidente Anief, Marcello Pacifico, "indica la strada da percorrere: cancellare il decreto n. 21/2008, abolire il numero chiuso, potenziare l'orientamento, introdurre monitoraggi periodici, elevare l'obbligo formativo sino alla fine della scuola superiore. Oggi le nuove modalita' cervellotiche introdotte all'ultimo momento dall'ex ministro dell'Istruzione, Francesco Profumo, per selezionare i candidati ai corsi universitari a numero chiuso sono state sapientemente stoppate dal nuovo ministro Maria Chiara Carrozza. La quale, oltre ad aver ristabilito le canoniche date di inizio settembre, sarebbe anche in procinto di firmare un nuovo decreto sulle modalita' delle prove di ammissione ai corsi di laurea ad accesso programmato nazionale per l'a.a. 2013/14. Ancora una volta aveva ragione l'Anief, che in tempi non sospetti si era subito espressa contro "un'operazione destinata a realizzare l'obiettivo opposto a quel che ci chiede l'Unione Europea, ovvero elevare il prima possibile il numero di studenti che raggiungono un alto titolo di studio".

Il giovane sindacato ritiene che con la decisione presa oggi dal ministro Carrozza, si evita finalmente di discriminare gli studenti dell'ultimo anno della scuola superiore: introdurre un test immediatamente dopo la conclusione degli Esami di Stato, senza permettere loro di prepararsi adeguatamente alla selezione, avrebbe rappresentato una chiara lesione al diritto allo studio costituzionalmente garantito".

"Se pero' ora il ministro vuole completare la sua lodevole iniziativa avviata oggi - spiega Marcello Pacifico, presidente Anief e delegato Confedir per la scuola e i quadri – dovrebbe anche rivedere il decreto 'madre', il n. 21 del 2008, che ha introdotto il bonus da assegnare solo agli studenti che conseguono un elevato punteggio alla maturita': si tratta di un'operazione chiaramente discriminatoria perche' non tiene conto delle particolarita' dei vari corsi, oltre che del tessuto sociale e familiare dove sono collocati".

"Per superare del tutto questa condizione, che ci continua a tenere lontani dai migliori modelli formativi terziari europei - conclude Pacifico - , Anief torna a chiedere l'abolizione del numero chiuso. E nel contempo l'avvio di veri percorsi di orientamento per tutte le classi terminali delle scuole superiori, affidandoli a studenti-senior e ricercatori esperti che operino come tutor, assieme a dei monitoraggi periodici per l'accesso ai corsi universitari”.

Fonte: Italpress