contatti

La stampa scrive

Italpress: scuola - precari, Anief: commissione UE apre procedura infrazione

"Le denunce dell'Anief sullo sfruttamento dei precari della scuola italiana producono importanti effetti anche nell'Ue: la Commissione europea, infatti, ha aperto una procedura di infrazione nei confronti dell'Italia per la violazione della normativa sulla reiterazione dei contratti a tempo determinato, in particolare nella scuola dove diverse decine di migliaia di docenti, amministrativi, tecnici ed ausiliari vengono per cattiva prassi assunti ad inizio anno scolastico e licenziati in estate in corrispondenza del termine delle lezioni". È quanto si legge in una nota dell'Anief.

"La decisione della Commissione Ue di chiedere spiegazioni formali sulla mancata applicazione della direttiva comunitaria 1999/70, che obbliga i datori di lavoro, in questo caso lo Stato, ad assumere a titolo definitivo il personale che ha svolto almeno 36 mesi di servizio, anche se frazionato, negli ultimi 5 anni, è giunta dopo le tantissime denunce presentate dall'Anief allo stesso organismo sovranazionale - prosegue l'Anief -. L'ultima ondata di ricorsi è stata consegnata agli uffici di Bruxelles e di Strasburgo personalmente dal presidente dell'Anief, Marcello Pacifico, dopo che nelle scorse settimane al tavolo nazionale sulla precarietà, dove siedono rappresentanti del Governo e delle parti sociali, il ministro della Funzione Pubblica, Filippo Patroni Griffi, aveva confermato la ferma resistenza dell'amministrazione a stabilizzare i dipendenti e i dirigenti del pubblico impiego assunti e licenziati ciclicamente da diversi anni".

"Si sta indagando - ha fatto sapere in queste ore la Commissione europea - sull'apparente assenza di veri rimedi quando c'è abuso di questo tipo di contratti per tutto il personale scolastico, non solo insegnante. Sembra che ci sia un trattamento meno favorevole del personale fisso rispetto a quello temporaneo". Sempre l'organismo superiore di Bruxelles ha ricordato che "la direttiva chiede che si adottino delle misure e la Commissione le sta aspettando da parte dell'Italia".

"E questo punto è evidente che la controffensiva dell'Anief - dichiara oggi un soddisfatto Marcello Pacifico - comincia a portare i primi preziosi frutti: l'apertura della procedura d'infrazione che la Commissione europea ha aperto verso l'Italia dimostra che se il nostro Paese vuole stare in Europa deve obbligatoriamente rispettare le procedure che Bruxelles impone sul diritto del lavoro e sulle assunzioni dei cittadini che vi operano".

Fonte: Italpress