In primo piano

La problematica, per il sindacato Anief, non interessa solo i diplomati magistrale con titolo conseguito entro l’a.s. 2001/02. Le graduatorie ad esaurimento vanno riaperte per tutti i docenti abilitati e l’organico di fatto trasformato in organico di diritto.

Ne parliamo con Marcello Pacifico presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal.

Leggi l'articolo

ROMA, 12 AGO - Il Decreto Dignità, pubblicato in Gazzetta Ufficiale ed entrato in vigore oggi, introduce due novità che riguardano il mondo della scuola. La prima riguarda le supplenze su posti vacanti dopo 36 mesi di servizio: la legge legge 107/2015 ovvero la Buona Scuola aveva introdotto il divieto di attribuire supplenze su posti vacanti e disponibili al personale sia docente che ATA che avesse già svolto 36 mesi di servizio. Questo divieto ora è stato abolito. La legge interviene poi per cercare di risolvere la questione dei diplomati magistrali, circa 50 mila complessivamente, a cui una sentenza del Consiglio di Stato ha chiuso le porte delle GaE, le graduatorie ad esaurimento. La nuova normativa prevede, innanzitutto, che l'esecuzione delle sentenze possa avvenire entro 120 giorni dalla notifica. Poi, considerato che le sentenze di merito, dopo quella del Consiglio di Stato, arriveranno nel corso dell'anno scolastico 2018/19, per garantire la continuità didattica, viene assicurato a questi maestri un contratto a tempo determinato con scadenza al 30 giugno 2019. Infine, entro l'anno scolastico 2018-2019, verrà bandito un concorso. Le soluzioni trovate dal Governo però scontentano alcune forze politiche e alcuni sindacati. Anief annuncia il primo sciopero del nuovo anno scolastico il prossimo 11 settembre, per chiedere la conferma dell'emendamento LeU salva-precari, già licenziato dal Senato e sottolinea che "delle 50 mila maestre diplomate in attesa di un posto fisso meno di una su cinque lavorerà il prossimo anno e solo con un contratto di 10 mesi. Per le altre 40 mila nulla, al massimo ci sarà qualche occasionale supplenza. Per tutti un concorso straordinario in cui non è previsto un punteggio minimo, con tutti vincitori. Solo che per entrare in ruolo ci vorranno fino a 29 anni nella scuola dell'infanzia e fino a 11 anni nella primaria". Anche per Maddalena Gissi della Cisl Scuola, "la procedura concorsuale riservata dà risposta solo parzialmente alle tante attese che si sono nel frattempo create; siamo inoltre ben lontani da quanto lo stesso ministro Bussetti afferma nelle sue "Linee Programmatiche", indicando come indispensabile una revisione del sistema di reclutamento dei docenti". Critiche arrivano anche da FI con Mariastella Gelmini. Mette invece in guardia il senatore Mario Pittoni, responsabile Istruzione della Lega e presidente della Commissione Cultura: "Attenzione a non rovesciare la realtà: il decreto Dignità non lascia a casa le "maestre". E' una sentenza del Consiglio di Stato a non aver confermato il loro inserimento in ruolo e nelle graduatorie ad esaurimento. Al contrario noi abbiamo teso loro la mano". (ANSA).

 

ROMA, 11 AGO - Ad un mese dalla riapertura delle scuole, torna il tema delle cosiddette classi pollaio. Trentanove studenti frequenteranno il prossimo anno scolastico infatti una prima liceo di Todi, di cui uno diversamente abile con il sostegno. A denunciarlo è Giovanni Antonelli, Presidente del Consiglio di Istituto del Liceo Jacopone, in una lettera che ha invito al ministro dell'Istruzione Marco Bussetti e che pubblica il sito Orizzontescuola. Il rappresentante scolastico critica la decisione dell'Ufficio Scolastico Regionale dell'Umbria "che, applicando la normativa in essere, non ha previsto lo sdoppiamento della prima classe del Liceo Scientifico nonostante i 39 ragazzi iscritti di cui uno diversamente abile con sostegno. A nulla sono valse a tutt'oggi le accorate richieste fatte dal Dirigente Scolastico Sergio Guarente e, considerato il poco tempo che ci separa dall'inizio dell'anno scolastico, ho preso la decisione di rivolgermi direttamente a Lei", scrive Antonelli. "Il senso di impotenza e rabbia scaturisce dal fatto che, evidentemente, si ritiene che la soluzione imposta dalla normativa sia perfettamente compatibile con il diritto costituzionale allo studio e lo rispetti anche nel più ampio senso di assicurare a tutti le migliori condizioni per un'efficace formazione attuando i più elementari principi pedagogici". Nella missiva si spiega che i 158 iscritti alle prime classi dei quattro indirizzi del Liceo "Jacopone da Todi" (49 al Linguistico, 41 alle Scienze Umane, 39 allo Scientifico, 29 al Classico) devono essere ospitati al massimo in 6 classi "a prescindere dal fatto che ci sia una distribuzione non omogenea tra le scelte effettuate dagli studenti. In altre parole, l'Ufficio Scolastico Regionale auspicherebbe che fosse il Dirigente Scolastico a "convincere" i genitori circa l'indirizzo al quale iscrivere il proprio figlio". Sulla vicenda interviene il sindacato Anief. "Quanto si sta realizzando - dice Marcello Pacifico, leader del sindacato - è purtroppo in piena sintonia con quello che è accaduto negli ultimi dieci anni, con i tagli imposti a partire dalla Legge Berlusconi-Gelmini 133/08. Sorprende, però, che a rendersi artefice di tale conferma sia lo stesso Movimento 5 Stelle, autore in passato di diverse battaglie e interpellanze parlamentari portate avanti proprio per trovare soluzione al problema delle classi pollaio". (ANSA).

 

(ANSA) - ROMA, 11 AGO - L'Anief esprime "seri dubbi" sulla possibilità che entro l'estate prossima le prove selettive - scritte e orali - possano essere concluse, con tanto di pubblicazione di esiti e valutazioni, in modo da individuare i 2.425 nuovi capi d'istituto e tamponare l'attuale numero di reggenze record che riguardano ormai una scuola ogni quattro. "Soprattutto perché per la prima volta l'intera procedura, compresa la formazione, sarà affidata al Miur; inoltre, nella fase preliminare ci si è affidati alle tecnologie telematiche, con 24 mila candidati a rispondere direttamente da computer. Quindi, si tratta di meccanismi nuovi, tutti da verificare e che possono presentare intoppi e problemi lungo il percorso", fa notare il leader del sindacato, Marcello Pacifico. Anief sottolinea poi il problema del mancato "ripescaggio", nel concorso riservato, dei ricorrenti del 2011 privi di un provvedimento di primo grado favorevole. Tuttavia, ribatte il sindacato, una possibilità che la partita possa giocarsi non solo nelle aule di tribunale ancora c'è e passa per le Camere. La richiesta del sindacato è quindi quella di ammettere al corso-concorso riservato i ricorrenti del 2011. Per Pacifico, "Il Parlamento potrebbe intervenire prorogando l'accesso al corso riservato anche dei ricorrenti del 2011. Il motivo è semplice: in caso contrario sono concrete le possibilità di andare incontro, proprio a seguito del pronunciamento della Corte Costituzionale a novembre, all'annullamento di tutta la procedura prevista dalla Legge 107/2015. Per questo, Anief condivide l'intenzione di alcuni deputati di intervenire a settembre alla Camera sul decreto Milleproroghe, come già è stato fatto con il Decreto Dignità".

 

ROMA, 10 AGO - Il decreto dignità non risolve nulla sulla questione dei diplomati magistrali: a sostenerlo è Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal. Secondo il sindacato, "solo uno su cinque avrà il contratto annuale fino al 30 giugno 2019, mentre gli altri, in 43 mila si dovranno accontentare delle supplenze brevi". Per questo motivo il sindacato è contrario. "Inoltre, chi ha insegnato due anni e ha superato l'anno di prova con riserva doveva essere confermato nel ruolo. E ciò non è avvenuto. Quanto è stato deciso e approvato lunedì in via definitiva a Palazzo Madama è tutt'altro che dignitoso", ha continuato il sindacalista, perché "non porta alcuna soluzione per i 50 mila diplomati magistrale che hanno un diploma e che presto saranno pure licenziati. In seimila, certo, avranno la proroga di un anno, poi si andrà verso concorsi non selettivi che però non portano a nulla". (ANSA). 

 

Il Miur ha comunicato ai sindacati di aver già inviato la richiesta di autorizzazione al Mef per bandire il concorso.

Il bando dovrebbe essere pubblicato tra settembre e ottobre.

La legge di Bilancio, com’è noto, ha previsto l’indizione del concorso per i Direttori dei Servizi Generali e Amministrativi della scuola, che deve essere bandito entro il 2018

Per la definizione di alcuni requisiti d’accesso è necessario trovare dei riferimenti tecnico-normativi. Si punta anche a delle soluzioni politiche.

(ANSA) - ROMA, 7 AGO - "Anche il Senato approva il licenziamento di 50 mila maestri e un concorso straordinario che non risolve nulla": lo afferma l'organizzazione sindacale Anief, secondo la quale "con il via libera di poco fa dell'Aula di Palazzo Madama, tra urla e cori da stadio, per la scuola si è riusciti nell'impresa di peggiorare l'esito sorprendente e infausto della sentenza del Consiglio di Stato che il 20 dicembre scorso, in adunanza plenaria, sconfessando ben otto espressioni opposte, ha sancito che i maestri con diploma magistrale non potevano più stare nelle GaE". Quindi, sottolinea ancora l'Anief, "anziché ripristinare le 'finestre' del 2008 e del 2012, con questo decreto il Parlamento ha deciso, di fatto, di licenziare decine di migliaia di maestri, sbarrare la porta a più di altri 100 mila e aprire ad un concorso straordinario per appena 12 mila posti che darà il 'la' all'ennesima corsa all'impugnazione in tribunale per via dell'esclusione di svariate tipologie di docenti abilitati, con servizio svolto, ma incomprensibilmente esclusi". (ANSA).

 

ROMA, 7 AGO - Il sindacato autonomo Anief plaude al via libera definitivo dell'Aula di Palazzo Madama all'emendamento LeU, ovvero la norma salva-precari, e invita i precari a difendere il provvedimento manifestando in piazza l'11 settembre, giorno di ripresa dei lavori nell'altro ramo del Parlamento, in occasione del primo stop dei lavoratori del nuovo anno scolastico. "In questo modo - sostiene il sindacato - i precari abilitati all'insegnamento, tutti già selezionati e formati all'uopo, verrebbero assorbiti gradualmente nei ruoli dello Stato, al fine di andare a collocarsi sugli oltre 100 mila posti vacanti che ogni anno vengono quasi sempre assegnati ad un nuovo supplente minando così la continuità didattica e l'organizzazione scolastico-amministrativa. La norma salva-precari, inoltre, risulta fondamentale per superare la pessima decisione presa con il decreto Dignità di portare al licenziamento 50 mila maestri con diploma magistrale, di cui 7 mila già assunti, all'isolamento di altri 100 mila docenti abilitati e all'introduzione di un concorso straordinario per 12 mila posti pure discriminante". "Vogliamo sensibilizzare gli onorevoli - spiega Marcello Pacifico Anief-Cisal - a non rivedere quanto stabilito dai colleghi del Senato, in modo da salvare i precari abilitati all'insegnamento dalle supplenze a vita e la scuola italiana da sicuro caos che ne deriverebbe qualora si desse invece effetto alla sentenza del Consiglio di Stato, con cui si intendono svuotare le GaE non assumendo in ruolo chi c'è dentro o per confermare i 7 mila maestri assunti con anno di prova svolto, ma per far ritornare i precari di lungo corso nelle graduatorie d'istituto, dove potranno svolgere supplenze di breve durata in non più di 15-20 istituti. Creando in tal modo uno degli scompensi più grandi che si siano mai avuti nelle nostre scuole pubbliche, le quali si ritroverebbero a caccia di docenti, con quelli già scelti e formati messi ai margini, costretti a non lavorare, stavolta pure per colpa del legislatore".(ANSA)

 

Approvato emendamento Leu al Milleproroghe

Roma, 3 ago. (askanews) - Via libera all`inserimento nelle Graduatorie ad esaurimento ai diplomati magistrale e anche agli Insegnanti Tecnico Pratici. E' stato approvato infatti un emendamento al Milleproroghe, a prima firma Loredana De Petris di Liberi e Uguali, che consentirà ai docenti che hanno conseguito l`abilitazione entro l`anno accademico 2017/2018 l'inserimento in graduatoria, inserendosi nella fascia aggiuntiva "ivi inclusi i docenti in possesso di diplomala magistrale o d`insegnamento tecnico-professionale entro l`anno scolastico 2001/2002".

In base alla modifica approvata, l`inserimento dovrebbe avvenire a "decorrere dall`aggiornamento previsto nell`anno scolastico 2017/2018 per il successivo triennio".

"Finalmente i parlamentari prendono atto della situazione, adottando un provvedimento di apertura delle graduatorie analogo a quello approvato sei anni fa nello stesso Milleproroghe", è stato il commento di Marcello Pacifico (Anief-Cisal).

 

 

(ANSA) - ROMA, 2 AGO - "Si sta preparando il terreno al più grande licenziamento di dipendenti pubblici della storia della Repubblica italiana, avallando un concorso straordinario, voluto dai parlamentari delle Commissioni Cultura e Lavoro, che metterà in palio un numero di cattedre irrisorie, appena 12 mila a fronte di oltre 50 mila diplomati magistrali che lavorano stabilmente e ancora più laureati in Scienze della formazione primaria abbandonati al loro destino, con il risultato di scatenare una concorrenza spietata tra i docenti e costringere tutti gli esclusi al rivolgersi al tribunale per avere giustizia". Lo rileva in una nota l'Anief. "Si sta certificando - osserva Marcello Pacifico - il licenziamento dal prossimo 30 giugno di tanti maestri che già erano stati assorbiti nei ruoli delle Stato, a cui si vanno ad aggiungere altri 43 mila docenti della scuola dell'infanzia e primaria che hanno sottoscritto un contratto annuale da GaE. E poi ci sono tutti gli altri abilitati. Pensare di risolvere tutto questo - conclude - con un 'concorsino' per 12 mila posti, appare l'ennesima manovra da fumo negli occhi". (ANSA).

 

Determina il tuo avanzamento di carriera!

Eurosofia ha curato la preparazione per la prova preselettiva del Concorso a Dirigente Scolastico, con una metodologia vincente che ha consentito al 75% dei nostri iscritti di superare la prima fase del concorso.

10 incontri via webinar da tre ore ciascuno con correzione e restituzione della simulazione. Con l’ausilio della nostra equipe di formatori, abbiamo già programmato ed attivato il nuovo corso per la preparazione alla prova scritta.

Il corso, in linea con la formula che si è rivelata estremamente efficace, sarà articolato in 10 incontri, in modalità webinar, da tre ore ciascuno.

Durante ogni incontro i corsisti risolveranno una prova (che verterà sulle materie d'esame di cui all'art. 10, comma 2, del decreto ministeriale), della durata di 150 minuti, articolata in cinque quesiti a risposta aperta e due quesiti in lingua inglese.

Il formatore consegnerà il compito e ciascun corsista, in maniera autonoma e comodamente da casa sua, potrà compilare la prova, in seguito fornirà indicazioni e suggerimenti utili alla risoluzione del compito proposto durante ogni incontro.

I webinar saranno curati dal Prof. Rosario Gianni Leone, ex Provveditore agli Studi di Palermo e di Trapani, che dal 1981 si occupa di formazione del personale docente ed amministrativo ed attualmente è professore a contratto presso l'Università di Palermo.

A supporto della preparazione specialistica, inoltre, Eurosofia propone anche webinar tematici per acquisire maggiori competenze nelle tecnologie informatiche e della comunicazione, nella Lingua inglese e francese.

Iscriviti entro il 6 agosto per usufruire della speciale promozione Eurosofia!

ROMA, 22 LUG - Sul tema del "precariato eterno forse siamo alla svolta: arriva un emendamento M5S-Lega per cancellare la norma ignobile che stoppa i precari dopo 36 mesi": lo rileva in una nota l'Anief. "La presentazione dell'emendamento, sostenuta dai due partiti che compongono la maggioranza dell'attuale esecutivo, è stata accolta con soddisfazione da parte del sindacato Anief, il quale non è un caso che a sua volta - viene evidenziato - abbia predisposto proprio in questi giorni una richiesta analoga ai parlamentari, all'interno del pacchetto emendamenti allo stesso decreto Dignità che martedì prossimo, 24 luglio, arriverà in Aula". "Approvare la cancellazione del comma 131 della Legge 107/2015 è una tappa fondamentale - afferma Marcello Pacifico di Anief-Cisal - perché il governo precedente è riuscito nell'impresa di ribaltare quanto indicato dai giudici di Strasburgo nel 2014, quando la Corte di Giustizia Europea stabilì che i 36 mesi di servizio svolto vanno considerati come soglia d'accesso e non come motivo di respingimento dalla stabilizzazione". (ANSA).

 

Roma, 21 lug. (askanews) - "Non c'è pace per i diplomati magistrale, non c`è pace: fuori dalle graduatorie ad esaurimento e senza indennizzo di disoccupazione", avverte l'Anief.

Il sindacato spiega che "gli uffici competenti non avrebbero comunicato all`Inps nei tempi previsti le informazioni riguardanti i contributi versati dai docenti a partire dal primo gennaio 2018". E "questa situazione, che riguarda tutti i docenti, diventa ancor più problematica per tutti quei docenti diplomati magistrali, licenziati o estromessi dalle Gae per effetto della sentenza del Consiglio di Stato del dicembre scorso". Anief quindi "si appella alle istituzioni preposte, a cui chiede di superare il prima possibile i problemi che stanno mettendo in crisi non solo la professionalità ma anche la dignità di tanti maestri che da anni e anni portano avanti il loro preziosissimo lavoro formativo ed ora vengono messi alla porta, pure senza sussidi. È chiaro che se gli indennizzi non dovessero essere sbloccati a breve, ci attiveremo perché ciò avvenga intervenendo nelle opportune sedi legali".

 

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie