News

 

 

Già erano stati pochi i docenti a potersi candidare per aderire all’anticipo pensionistico, fino a circa 3 anni e mezzo, finanziato con un prestito dello Stato: è notizia di queste ore che nessuno di quei maestri ha avuto la possibilità di lasciare il lavoro. E non si sa nemmeno quando potranno farlo, rischiando quindi pure di vanificare il già ridotto anticipo messo loro a disposizione perché individuati tra gli occupati in professioni usuranti.

Il vulnus, scrive oggi Orizzonte Scuola, è che “manca la normativa per applicare l’Ape sociale e consentire il pensionamento dei docenti che hanno presentato domanda e ricevuto dall’INPS regolare attestazione favorevole”. Una docente scrive alla Ministra Fedeli: “per l’INPS sarei già in pensione dal 1° agosto 2017, senonché nella legge di bilancio non è stata presentata alcuna normativa o emendamento che consenta al personale della scuola, destinatario della comunicazione INPS, di cessare dal servizio anche in corso d’anno, in deroga all’unica data che fissa la data di cessazione per il personale della scuola unicamente al 1° settembre”. Il risultato di questa situazione kafkiana è che “il MIUR, d’intesa con l’INPS-D.C. Pensioni, non ha ancora fornito indicazioni specifiche al riguardo. Solo agli insegnanti non viene riconosciuto un diritto a cui, per l’INPS e per la legge, avrebbero diritto. In altre parole una beffa e un diritto violato”. I docenti bloccati chiedono “con massima urgenza, l’emanazione di una norma ad hoc per sopperire a questa grave mancanza e per non ripetere errori già fatti in passato che non tennero in conto della peculiarità della categoria”.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Stiamo assistendo ad una beffa cosmica, perché già l’Ape Social doveva essere estesa a tutti i docenti e non solo ad una parte, visto che diversi studi, tra cui spicca il ‘Getsemani Burnout e patologia psichiatrica negli insegnanti’, hanno accertato l’alto grado di stress determinato dall’insegnamento. I 67 anni di età, cui il Governo Gentiloni ci ha portato, stridono poi non poco con la media Ue, visto che anche il recente rapporto Ocse Pensions at a glance ha confermato che in Europa si continua a lasciare il lavoro a 63 anni. Ci sono Paesi, come la Francia, che consentono agli insegnanti di andare in pensione ancora a 60. Altri, come la Germania, che con circa 25 anni di insegnamento permettono di lasciare il lavoro. Come se non bastasse, va ricordato che ammesso che si riesca ad anticipare l’accesso al pensionamento, questi docenti percepiranno in media un assegno pensionistico ridotto, rispetto al 2011, fino all’8%. Dinanzi a queste prospettive, basti pensare al contratto a perdere che l’Aran sta prospettando; siamo davvero stufi e ci appelliamo ai nostri governanti perché si adoperino, benché a fine legislatura, per attuare quei provvedimenti d’urgenza necessari a non penalizzare ancora una volta i dipendenti della scuola pubblica

Coloro che necessitano di una consulenza personalizzata a Cedan, per sapere se hanno diritto ad andare in quiescenza prima dei termini contributivi e di vecchiaia previsti dalla legge e per scoprire il valore dell’assegno pensionistico, oltre a fruire di ulteriori servizi, si possono collegare alsito internetoppure scrivere una e-mail all’indirizzo  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

L’Aran, l’agenzia per la rappresentanza della parte pubblica, ha appena presentato ai sindacati rappresentativi un testo comprendente nuovi compiti obbligatori, da assegnare agli insegnanti anche contro la loro volontà. La lista degli incarichi da assegnare, oggi tutti facoltativi, è lunga e dettagliata: si va dalla formazione coatta senza alcuna indennità al tutoraggio gratuito degli studenti delle superiori impegnati nelle esperienze di scuola-lavoro; da tutte le attività progettuali che hanno a che fare con il potenziamento scolastico agli aspetti organizzativi e pure amministrativi.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Non bastavano gli aumenti di stipendio miserevoli che dopo quasi dieci anni di blocco porteranno arretrati-mancia e appena 57 euro lordi a regime ai maestri neoassunti della primaria e 88 euro lordi ai docenti a fine carriera delle superiori; ora gli esperti di gestione pubblica si inventano delle formule che penalizzano la loro professionalità, quasi dovessero scontare chissà cosa. È questa la valorizzazione della categoria di cui parla insistentemente la Ministra Fedeli e che sarebbe confluita nella Legge di Stabilità 2018? L’amministrazione farebbe bene a concentrarsi sull’annullamento delle tante discriminazioni che continuano a perpetrarsi nei confronti dei precari, ad iniziare dalla non assegnazione degli scatti automatici di anzianità, sui quali in più occasioni i tribunali e pure la Cassazione hanno espresso il loro parere positivo a favore dell’allineamento. Oppure si potrebbe pensare di introdurre, finalmente, dei nuovi profili professionali per il personale Ata, adeguati ai tempi e alle necessità, con relativi livelli retributivi maggiorati. Invece, si va avanti con il canovaccio di sempre: quello di una scuola gerarchica, dispotica, burocratica e ingiusta. Continuando a mantenere in vita esattamente l’opposto di quello che si insegna agli alunni. Anche per questi motivi confermiamo l’intenzione di scioperare due volte: a fine mese e a febbraio.

 

Dopo il deludente incontro al Ministero dell’Istruzione di ieri, oggi il presidente nazionale Anief Marcello Pacifico ha incontrato il senatore Andrea Marcucci, per illustrargli i dettagli della proposta di decreto urgente utile a riaprire le Graduatorie ad Esaurimento: il testo presentato rappresenta la migliore soluzione condivisa per evitare che oltre 44mila maestri, con regolare abilitazione, si ritrovino non solo fuori dalle Graduatorie ad Esaurimento ma addirittura espulsi dalla scuola per via dell’applicazione della norma, introdotta con la Buona Scuola, che impedisce di conferire supplenze di lunga durata a tutto il personale precario che supera i 36 mesi di servizio anche non continuativo. Contestualmente, il leader del giovane sindacato si è rivolto al Capo dello Stato, affinché inviti il Governo a predisporre l'intervento legislativo immediato, proprio per evitare di assistere all'ingiusta espulsione giornaliera dei maestri e delle maestre dalle nostre scuole pubbliche.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Riaprire le GaE a questi docenti sarebbe un gesto di estrema sensibilità, perché decreterebbe la parola fine ad un contenzioso senza fine, mettendo la scuola nelle condizioni di funzionare al meglio. In caso contrario, si creerebbero seri problemi alla didattica di un altissimo numero di scuole dell’infanzia e primaria. Ma bisogna fare in fretta: per coloro che detengono un diploma magistrale, conseguito entro il 2002, occorre prevedere una graduale stabilizzazione. Il tutto va fatto prima dell'entrata in vigore del nuovo sistema di formazione e reclutamento previsto dalla Legge 107 del 2015, il quale, peraltro, sarà aperto anche al personale di ruolo mettendo in ‘concorrenza’ docenti con profili e curricula incompatibili. Confermiamo di volere avviare una vera e propria ‘guerriglia’ legale: prima di tutto perché le nostre istanze verranno prese in consegna da Bruxelles, dove si valuterà anche come denunciare lo Stato italiano rispetto all’Europa. A livello nazionale, confermiamo poi la volontà di bloccare molti scrutini del primo quadrimestre, previsti tra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio. Inoltre, sciopereremo subito dopo l’insediamento del Parlamento. Infine, nel giorno di insediamento delle nuove Camere, è stato fissato un grande appuntamento in piazza, nella capitale, in modo da sensibilizzare il nuovo Esecutivo a trovare una soluzione immediata.

 

 

Si è appena concluso l’incontro al Miur tra i sindacati e l’amministrazione sulla questione dell’accesso nelle GaE dei diplomati magistrale, a seguito della sentenza espressa dall’adunanza plenaria del Consiglio di Stato dello scorso 20 dicembre; Anief, presente al confronto, ha fatto un appello al Ministero dell'Istruzione: o arriverà un decreto legge subito, oppure continueremo le nostre battaglie in tribunale e avranno tutto il sapore di una vera e propria "guerra" legale.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Soltanto in Italia, per colpa dell’amministrazione, il 15% dei posti non è coperto nei ruoli; solo nella nostra nazione i docenti sono assunti a colpi di sentenza e non perché in possesso di una abilitazione, ottenendo così ciò che gli spetterebbe di diritto. Visto che la questione non può risolversi nel territorio nazionale, domani andremo a denunciare all’Europa, recandoci a Bruxelles, questo perverso modo di governare nel nostro Paese. Inoltre, consigliamo a qualcuno che opera presso il Miur di cambiare mestiere.

 

Dagli Uffici Scolastici Regionali continuano a pervenire delle precise richieste rivolte ai capi d’istituto, affinché rappresentino l’amministrazione pubblica nei tribunali per difendere lo Stato davanti al giudice di primo grado. Ma un dirigente scolastico è il dipendente pubblico più adatto per occuparsi delle cause di lavoro che riguardano l’amministrazione pubblica? Sicuramente no. Per questo motivo il giovane sindacato ha deciso di chiedere spiegazioni formali al Miur e all’Usr Sardegna, uno degli uffici regionali italiani da dove stanno partendo il maggior numero di deleghe di questo genere.

Marcello Pacifico (presidente Udir): Stiamo parlando di capi d’istituto che, a causa di norme palesemente errate, arrivano ad essere anche penalmente condannati. Al Miur, inoltre, fanno finta di non sapere che i nostri dirigenti gestiscono quotidianamente almeno cinque plessi scolastici, che in quasi 2mila casi si raddoppiano poiché reggenti di due o più istituti. Perché devono surrogare gli appositi uffici legali dello Stato, deputati a svolgere per mandato questa delicatissima attività? Noi non ci stiamo a questo gioco. Anche perché qualsiasi rapporto di lavoro presuppone che a fronte di maggiori impegni si debba associare un incremento stipendiale. Mentre, ricordiamo, chi dirige una scuola può contare su uno stipendio sensibilmente più basso di quello dei colleghi della stessa area professionale. Nel contempo invitiamo gli stessi dirigenti scolastici a chiarire tale posizione con l’amministrazione regionale di appartenenza.

 

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie