ROMA, 5 APR - Sono oltre due milioni e mezzo gli studenti che quest'anno si sono ritrovati con un docente diverso rispetto all'anno precedente, un numero che corrisponde un iscritto su tre. Va peggio però per gli alunni disabili: almeno 100 mila allievi con problemi di apprendimento - il 43% dei 233 mila alunni disabili presenti quest'anno nelle classi di ogni ordine di scuola - si sono visti assegnare un insegnante specializzato diverso rispetto all'anno precedente. I numeri li rende noti il sindacato Anief il quale scrive che la rivista Tuttoscuola ha calcolato come una spesa per le Casse dello Stato di circa 1.650 euro per alunno disabile permetterebbe la stabilizzazione dei posti di sostegno. "Solo il 7% di quanto già si spende, ma il risultato sarebbe del tutto diverso", osserva il sindacato, secondo il quale una soluzione è necessaria, anche perché aumenta di anno in anno il numero degli alunni disabili: +106% negli ultimi vent'anni e con esso anche quello dei docenti di sostegno precari: 10 mila nel 99-00 (17% del totale docenti di sostegno), 30 mila nel 2004-05 (38%), 40 mila nel 2007-08 (45%), 41.021 nel 2016-17 (29,8%). Ancora oggi quasi un insegnante di sostegno su 3 è 'in deroga', cioè precario. Per Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, "ben 100mila alunni disabili sono costretti a subire il valzer dei 41 mila supplenti chiamati ogni anno su posti vacanti e disponibili, ma esclusi dal reclutamento per colpa delle leggi dello Stato. Per ragioni di finanza, applicando la L.244/07, sino alla più recente L.128/13, l'organico di diritto del sostegno è bloccato al 70% di quello annualmente utilizzato, nonostante invece ogni anno cresca di quasi 8 mila unità il numero di alunni con disabilità certificata iscritti nelle nostre scuole. Inoltre, ora che secondo la Cassazione i precari hanno diritto allo stesso trattamento economico dei colleghi di ruolo, non si comprende perché debba essere impedito il diritto alla continuità didattica da parte del personale a tempo determinato: è un problema facilmente risolvibile, non con l'assegnazione di supplenze triennali ma piuttosto con la stabilizzazione del personale e incentivi a permanere nei ruoli e non invece penalizzazioni per i passaggi di ruolo". (ANSA).

 

 

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie