Lo sciopero delle maestre e dei maestri della scuola dell'infanzia e primaria ha creato molti disagi nel giorno del ritorno a scuola dopo le vacanze natalizie. Lo sostiene l'Anief, secondo cui in migliaia hanno aderito allo sciopero nazionale, indetto per protestare contro la decisione del Consiglio di Stato di negare alle maestre e ai maestri precari con diploma magistrale conseguito fino al 2001/02 di essere presenti nelle GaE. "Volevamo dare un segnale forte al Ministero - ha detto all'Agi Chiara Cozzetto, portavoce Anief Lazio - e credo che oggi ci siamo riusciti. Molte scuole sono rimaste chiuse. I diplomati magistrali sono con noi in piazza e oggi si deve prendere una posizione definitiva. Per noi la soluzione è quella di riaprire le graduatorie ad esaurimento per chi ha l'abilitazione, senza fare concorsi o fasi transitorie". In mattinata una delegazione Anief, capitanata dal suo presidente nazionale Marcello Pacifico, e dei Cobas sara' ricevuta al Miur. Anche in altre città, diversi manifestanti - riferisce una nota dell'Anief - si sono radunati davanti agli uffici scolastici regionali come a Torino, Milano, Bologna, Palermo, Cagliari, Catanzaro e Bari. Secondo l'Anief per risolvere il problema deve essere adottato un decreto legge urgente per riaprire per la terza e ultima volta le graduatorie ad esaurimento per il personale docente abilitato e confermare nei ruoli i docenti già assunti con riserva. Così da garantire la continuità didattica ma anche l'assunzione per merito, la parità di trattamento, la ragionevolezza nell'incontro tra domanda e offerta di lavoro nei due ambiti scolastici.

"La richiesta di un decreto legge - ha dichiarato Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief - è legittima e necessaria. Già due volte, infatti, il Parlamento, nel 2008 (Legge 169) e nel 2012 (Legge 14), ha riaperto le attuali graduatorie permanenti trasformate ad esaurimento (Legge 296/06) al personale docente in possesso di abilitazione. A fronte di un nuovo sistema di reclutamento, grazie al decreto legislativo 59/2017, e alla discutibile sentenza dell'adunanza plenaria, oggetto di nuovo contenzioso, è arrivato il momento di riaprirle per la terza e ultima volta. Anche perché in molte province le GaE sono esaurite, pure in presenza di personale abilitato a cui non è stato consentito l'inserimento. Mentre - ha concluso Pacifico - in molti casi, gli stessi 44mila diplomati magistrali inseriti con riserva nelle GaE e i 6mila assunti in ruolo con riserva, quand'anche saranno licenziati per effetto del giudizio di merito orientato dalla sentenza plenaria, si ritroverebbero dopo un 'balletto' di supplenze a essere richiamati come precari, con grave danno alla continuita' didattica. Solo che un titolo di studio, se è considerato abilitante e valido per insegnare come supplente, non può non valere per essere assunto in ruolo". 

 

Fonte: Rai News

 

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie