Il disservizio sarà provocato dalle crescenti proteste dei maestri precari con diploma magistrale, a seguito della sorprendente sentenza della plenaria del Consiglio di Stato che ha violato il giudicato espresso in altre sette sentenze del tenore totalmente opposto: lo sciopero riguarda tutto il personale docente con diploma magistrale assunto con riserva o come supplente tramite le graduatorie ad esaurimento. Lo stesso giorno sono previsti diversi sit-in: il principale a Roma davanti al Miur dalle ore 9.00, gli altri dinanzi agli Uffici Scolastici Regionali di Palermo, Bari, Torino, Milano, Bologna e Cagliari.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): L’obiettivo è mandare un chiaro segnale a chi dovrà prendere posizione su una sentenza che ha un sapore molto politico e scarsamente giuridico. Continuiamo a non comprendere come un organismo di giustizia così rilevante possa sconfessare se stesso, producendo tesi diametralmente opposte rispetto a quelle più volte espresse in precedenza sullo stesso quesito. A chiederlo è anche un alto numero di politici che proprio in questi giorni sta auspicando soluzioni a favore dei diplomati magistrale che tuttavia non potranno concretizzarsi prima delle elezioni politiche, visto che le Camere a breve saranno sciolte e non è possibile oggi legiferare per trovare una soluzione pronta da mesi: riaprire le GaE e ammettere tutti gli abilitati, modificare il decreto legislativo sulla formazione iniziale e reclutamento estendendolo anche ai docenti della scuola infanzia e primaria. Lo sciopero dell’8 gennaio è quindi anche indirizzato a chi governerà nella prossima legislatura. Noi, intanto, come sindacato, proseguiremo la nostra battaglia nei tribunali, stavolta d’Europa: abbiamo avviato le procedure di preadesione al ricorso gratuito dei docenti diplomati magistrale alla CEDU e quelle per inviare una petizione alla Commissione del Parlamento Europeo. Il nostro sindacato, inoltre, sta predisponendo un reclamo collettivo al Consiglio d’Europa.

 

Mancano dieci giorni alla riapertura delle scuole, ma si può dare per certo sin d’ora che per molte di esse l’8 gennaio le lezioni saranno ad alto rischio di svolgimento: si tratta degli istituti del primo ciclo, quindi delle scuole dell’infanzia e primaria, dove operano decine di migliaia di maestri precari con diploma magistrale, rimasti sbigottiti e professionalmente danneggiati dalla sorprendente sentenza della plenaria del Consiglio di Stato che prima di Natale ha violato il giudicato espresso in altre sette sentenze del tenore totalmente opposto.

Lo sciopero, a cui aderiscono l’Anief e altri sindacati, riguarda specificatamente tutto il personale docente con diploma magistrale assunto con riserva o come supplente tramite le graduatorie ad esaurimento: “L’obiettivo della protesta – spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – è quello di inviare un chiaro segnale a chi dovrà prendere posizione su una sentenza che ha un sapore molto politico e scarsamente giuridico. Continuiamo a non comprendere come un organismo di giustizia così rilevante possa sconfessare se stesso, producendo tesi diametralmente opposte rispetto a quelle più volte espresse in precedenza sullo stesso quesito”.

A chiederlo è anche un alto numero di politici che – continua Pacifico – proprio in questi giorni sta auspicando soluzioni a favore dei diplomati magistrale che tuttavia non potranno di certo concretizzarsi prima delle elezioni politiche, visto che le Camere a breve saranno sciolte e non è possibile oggi legiferare per trovare una soluzione al problema pronta da mesi: riaprire le GaE e ammettere tutti gli abilitati, modificare il decreto legislativo sulla formazione iniziale e reclutamento estendendolo anche ai docenti della scuola infanzia e primaria. Lo sciopero dell’8 gennaio è quindi anche indirizzato a chi governerà nella prossima legislatura”.

“Noi, intanto, come sindacato, proseguiremo la nostra battaglia nei tribunali, stavolta d’Europa: abbiamo infatti prontamente avviato le procedure di preadesione al ricorso gratuito dei docenti diplomati magistrale alla CEDU e quelle per inviare una petizione alla Commissione del Parlamento Europeo. Il nostro sindacato, inoltre, sta predisponendo un reclamo collettivo al Consiglio d’Europa”.

Nel giorno dello sciopero, sono previsti diversi sit-in: il principale si svolgerà a Roma, davanti al Miur a partire dalle ore 9.00; gli altri sono stati programmati davanti agli Uffici Scolastici Regionali di Palermo, Bari, Torino, Milano, Bologna e Cagliari.

Qui di seguito, il programma dettagliato dei sit-in previsti l’8 gennaio per chiedere una soluzione al problema dei maestri precari con diploma magistrale a seguito della sentenza della plenaria del Consiglio di Stato emessa lo scorso 20 dicembre:

  •  Roma, davanti al MIUR in Viale Trastevere, n. 76/a
  •  Milano, davanti all’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia in Via Polesine, n. 13
  • Torino, davanti all’Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte in Corso Vittorio Emanuele II, n. 70
  • Bologna, davanti all’Ufficio Scolastico Regionale per l'Emilia Romagna in Via De' Castagnoli, n. 1 
  • Bari, davanti all’Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia in Via Sigismondo Castromediano, n. 12
  • Cagliari, davanti all’Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna in Piazza Galileo Galilei, n. 3
  • Palermo, davanti all’Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia in Via G. Fattori, n. 60

Anief coglie l’occasione per chiedere ai diplomati magistrale di candidarsi in massa alle prossime elezioni RSU, per lanciare un segnale forte ai sindacati rappresentativi che sulla vicenda hanno preferito fare gli struzzi e per rendere evidente come il ruolo assunto da questi docenti nella scuola italiana, in moltissimi casi con anni di esperienza alle spalle, sia completo: non solo sotto il profilo della didattica ma anche sul versante della partecipazione ad ogni aspetto della vita delle istituzioni scolastiche, compresa quindi la partecipazione agli organi elettivi di rappresentanza. Coloro che vogliono candidare possono farlo compilando on line la scheda sul portale Anief (clicca qui per accedere).

 

 

Per approfondimenti:

 

Rinnovo contratto, verso l’equiparazione tra lavoratori di ruolo e precari. Anief d’accordo ma non sul metodo: si può fare anche domani fuori CCNL e serve un referendum

Cassazione: nessuna differenza stipendiale e di diritti tra docenti di ruolo e precari

Supplenti brevi ricevono lo stipendio dopo 5 mesi, aspettavano dal mese di aprile

Nuovo anno al via, è sempre emergenza supplenti: 1 ogni 8 docenti. Situazione critica al Nord e per il sostegno

SCUOLA – Graduatorie infinite per infanzia e primaria? La colpa è tutta del Miur e non dei giudici

Precariato, parte la carica degli 85mila supplenti, sempre più chiamati da graduatorie d’Istituto. Anief: bisogna assumerli da lì, senza attendere il lungo iter del nuovo concorso

Docenti in cattedra fino a 70 anni per arrivare alla pensione minima, anche da precari

Personale, grazie a internet addio tempi “biblici” per le ricostruzioni di carriera dei neo-assunti. Anief: bene ma le norme sul servizio pre-ruolo rimangono inadeguate, ricorsi inevitabili

La ricostruzione di carriera deve contemplare tutto il periodo di precariato, lo dicono i giudici

I ricorsi pagano: in 5 anni 40mila ricorsi Anief vinti a tutela di docenti e Ata. Solo negli ultimi due mesi 135 sentenze favorevoli

Diplomati Magistrale, conclusa la discussione in Adunanza Plenaria. Anief attendiamo esito, certi che tuteleremo fino in fondo i loro diritti

Nelle mani del Consiglio di Stato il futuro della Scuola pubblica italiana: in arrivo una sentenza che potrebbe screditare l'abc del diritto e il sistema giudiziario

Docenti con diploma magistrale, il Consiglio di Stato nega il loro inserimento nelle GaE. Anief: brutta pagina nella giustizia italiana, ora la palla passa all’UE

Intervista rilasciata dal presidente Anief Marcello Pacifico ad Orizzonte Scuola: “Diplomati magistrale. Pacifico (Anief): aderiamo sciopero 8 gennaio, chiediamo incontro al Miur per soluzione. No revoca supplenze, serve ordine Giudice”

Diplomati magistrale, in vista delle elezioni primaverili la politica si scontra sul loro destino e sui numeri

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie