Tutti cercano, si impegnano e promettono una soluzione per i maestri condannati a vita a fare i precari. Cresce l’incertezza sul numero effettivo dei coinvolti: sarebbero 5mila per il Pd, 50mila per la Lega, 1.474.000 per l'avvocatura dello Stato. Intanto, cresce il malcontento per l’esito della plenaria emesso la scorsa settimana: subito dopo le festività di fine anno, l'8 gennaio, diverse scuole dell'infanzia e della primaria potrebbero non riprendere le lezioni per l’astensione dei docenti abilitati esclusi dalla recente sentenza del Consiglio di Stato che ha rinnegato se stesso ed escluso migliaia di precari dall'accesso al ruolo. Viene da chiedersi dove fossero tutti questi benpensanti alla vigilia della Plenaria, quando la politica e non solo davano addosso a questa categoria di precari.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): La soluzione c'è e c'è sempre stata, ma prima nessuno voleva trovarla. Con lo sciopero di inizio anno, vogliamo dimostrare che, senza i precari, le scuole resteranno chiuse: perché i diplomati magistrale e tutti i docenti abilitati che non hanno accesso a nessuna graduatoria per il ruolo non tornino ad essere dei fantasmi, numeri da giocare o da tirar fuori all'occorrenza, ma insegnanti a cui ridare dignità e riconoscere rispetto per la professionalità e l'amore per il proprio lavoro che hanno dimostrato e dimostrano ogni giorno e non da ieri, ma da anni.

Nel frattempo, il giovane sindacato ha aperto le procedure di preadesione al ricorso gratuito dei docenti diplomati magistrale alla CEDU e quelle per inviare una petizione alla Commissione del Parlamento Europeo. Il sindacato, inoltre, sta predisponendo un reclamo collettivo al Consiglio d’Europa.

 

È bagarre per il destino professionale di decine di migliaia di diplomati magistrale, condannati dai giudici a fare i precari a vita. In vista delle elezioni primaverili la politica italiana, infatti, si scontra sul loro destino. E sul numero dei maestri precari coinvolti: sarebbero 5mila per il Pd, 50mila per la Lega, 1.474.000 per l'avvocatura dello Stato che a fine udienza aveva praticamente invocato la fine del mondo se mai il massimo organo della giustizia amministrativa non ci avesse ripensato e non si fosse affrettato ad abiurare il giudicato formatosi.

Per il Governo sembrava che chiunque avesse conseguito il diploma dal 1968 al 2002 potesse essere interessato a diventare insegnante. Ora no, ora ci si affanna per “salvarli”, non si sa bene come e non si sa bene, soprattutto, quando. In campagna elettorale, ora, dopo lo scandaloso e inaspettato giudizio di esclusione decretato dall'Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato, tutti i politici cercano una soluzione che, ovviamente, non possono concretizzare prima delle elezioni politiche in un momento in cui le Camere sono di fatto già sciolte e non possono legiferare.

Tutti sono pronti, ora, ad elevarsi nuovi censori o avvocati d'ufficio. Tutti a rassicurare che quest'anno nessuno andrà a casa. E tutti a riscoprire, improvvisamente, a quanto pare, che da anni le nostre scuole materne e primarie funzionano anche e soprattutto grazie all'impegno e al lavoro di insegnanti in possesso del diploma magistrale conseguito prima del 2002. Quello stesso titolo che ha permesso ancora, di recente, per ordine dello stesso organo giudicante, l'assunzione di diversi precari e che oggi sembrerebbe diventato “buono” solo a fare il supplente o un nuovo concorso che non può essere bandito per colpa di un “distratto” ancorché confuso legislatore.

Eppure la soluzione è semplice.Lo era già mesi fa, ma allora nessuno ne voleva parlare e la Legge di Stabilità che poteva contenere la soluzione all'annoso problema è “passata in cavalleria” e ora i tempi tecnici, guarda un po', non ci sono più. Bastava riaprire le Graduatorie ad Esaurimento e ammettere tutti gli abilitati, modificare il decreto legislativo sulla formazione iniziale e reclutamento estendendolo anche ai docenti della scuola infanzia e primaria. Adesso la soluzione si deve trovare e in fretta, in modo da dare una risposta certa anche ai laureati in Scienze della Formazione Primaria, pure loro costretti a fare nuovi concorsi per ottenere il ruolo su posti per i quali da anni sono chiamati come supplenti. Bisognava trovare una soluzione prima e a maggior ragione bisogna trovare una soluzione adesso, subito, superando anche le divisioni politiche e senza aspettare la primavera, abbandonandosi a quelle che sembrano le solite promesse elettorali.

“Anche per questol'Anief ha deciso di scioperare proprio il primo giorno di scuola dal rientro delle vacanze – spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal - per dimostrare che, senza i precari, le scuole resteranno chiuse e perché i diplomati magistrale e tutti i docenti abilitati che non hanno accesso a nessuna graduatoria per il ruolo non tornino ad essere dei fantasmi, numeri da giocare o da tirar fuori all'occorrenza, ma insegnanti a cui ridare dignità e riconoscere rispetto per la professionalità e l'amore per il proprio lavoro che hanno dimostrato e dimostrano ogni giorno e non da ieri, ma da anni”.

Nel frattempo, Anief ha avviato le procedure di preadesione al ricorso gratuito dei docenti diplomati magistrale alla CEDU e quelle per inviare una petizione alla Commissione del Parlamento Europeo. Il sindacato, inoltre, sta predisponendo un reclamo collettivo al Consiglio d’Europa.

Il giovane sindacato lancia infine un appello ai diplomati magistrale a candidarsi in massa con Anief alle prossime elezioni RSU. Per lanciare un segnale forte ai sindacati rappresentativi che sulla vicenda hanno preferito fare gli struzzi e per rendere evidente come il ruolo assunto da questi docenti nella scuola italiana, in moltissimi casi con anni di esperienza alle spalle, sia completo: non solo sotto il profilo della didattica ma anche sul versante della partecipazione ad ogni aspetto della vita delle istituzioni scolastiche, compresa quindi la partecipazione agli organi elettivi di rappresentanza. È possibile offrire la propria disponibilità alla candidatura compilando on line la scheda sul portale Anief (clicca qui per accedere).

 

 

Per approfondimenti:

 

Precariato, dubbi della Corte di Giustizia Europea sul limite di 12 mensilità di risarcimento sancito dalla Cassazione: contrario al principio di proporzionalità del diritto UE

Rinnovo contratto, verso l’equiparazione tra lavoratori di ruolo e precari. Anief d’accordo ma non sul metodo: si può fare anche domani fuori CCNL e serve un referendum

Cassazione: nessuna differenza stipendiale e di diritti tra docenti di ruolo e precari

Supplenti brevi ricevono lo stipendio dopo 5 mesi, aspettavano dal mese di aprile

Nuovo anno al via, è sempre emergenza supplenti: 1 ogni 8 docenti. Situazione critica al Nord e per il sostegno

SCUOLA – Graduatorie infinite per infanzia e primaria? La colpa è tutta del Miur e non dei giudici

Precariato, parte la carica degli 85mila supplenti, sempre più chiamati da graduatorie d’Istituto. Anief: bisogna assumerli da lì, senza attendere il lungo iter del nuovo concorso

Docenti in cattedra fino a 70 anni per arrivare alla pensione minima, anche da precari

Personale, grazie a internet addio tempi “biblici” per le ricostruzioni di carriera dei neo-assunti. Anief: bene ma le norme sul servizio pre-ruolo rimangono inadeguate, ricorsi inevitabili

La ricostruzione di carriera deve contemplare tutto il periodo di precariato, lo dicono i giudici

I ricorsi pagano: in 5 anni 40mila ricorsi Anief vinti a tutela di docenti e Ata. Solo negli ultimi due mesi 135 sentenze favorevoli

Diplomati Magistrale, conclusa la discussione in Adunanza Plenaria. Anief attendiamo esito, certi che tuteleremo fino in fondo i loro diritti

Nelle mani del Consiglio di Stato il futuro della Scuola pubblica italiana: in arrivo una sentenza che potrebbe screditare l'abc del diritto e il sistema giudiziario

Docenti con diploma magistrale, il Consiglio di Stato nega il loro inserimento nelle GaE. Anief: brutta pagina nella giustizia italiana, ora la palla passa all’UE

Intervista rilasciata dal presidente Anief Marcello Pacifico ad Orizzonte Scuola: “Diplomati magistrale. Pacifico (Anief): aderiamo sciopero 8 gennaio, chiediamo incontro al Miur per soluzione. No revoca supplenze, serve ordine Giudice”

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie