1180-ricorso-ds2

Baraonda alle convocazioni: a una settimana dall’inizio delle operazioni di immissioni in ruolo mai come quest’anno le forze dell’ordine sono state chiamate a intervenire durante le convocazioni dei docenti. L’ultima denuncia, in ordine di segnalazione, arriva sabato 5 agosto 2017: Napoli, convocazioni per immissioni in ruolo da Gae per la scuola secondaria. Manca la pubblicazione delle graduatorie dopo le domande di aggiornamento delle riserve e la confluenza delle classi concorsuali. Convocazioni al buio, pertanto, per gli aspiranti che non conoscono il proprio punteggio o la propria posizione.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Non si comprende, perché il Miur non disponga la riassegnazione dei posti resi liberi in queste ore, perché assegnati da Gae negli anni passati e ora abbandonati per le nuove proposte accettate da GM da alcuni docenti. Al caos presso la struttura periferica del Miur si aggiunge la scelta incomprensibile del Governo di riconoscere l’idoneità all’ultimo concorso 2016 solo per la secondaria (dlgs. 59/17) e non per la primaria (L. 107/2015), tanto da costringere il giovane sindacato Anief a promuovere nuovi specifici ricorsi, mentre per il secondo anno consecutivo diversi vincitori dell’ultimo concorso si ritrovano al palo perché i posti banditi sono stati sottratti dal contratto sulla mobilità straordinaria.

 

A causa del trambusto, intervengono le forze dell’Ordine: Graduatorie a Esaurimento non pubblicate il giorno delle convocazioni, così come per le Graduatorie di Merito nonostante i vincitori delle suppletive. Posti accantonati in attesa del giudizio o persi per nuovi passaggi di ruolo, docenti di ruolo licenziati o depennati in queste ore, idonei di primaria e infanzia dimenticati, vincitori di concorso senza cattedra per il secondo anno. Posti vacanti al di là degli abilitati. Si sta presentando come un incubo la gestione delle 52mila assunzioni disposte dal ministro dell’Istruzione Fedeli.

A una settimana dall’inizio delle operazioni di immissioni in ruolo, mai come quest’anno le forze dell’ordine, come riporta la rivista specializzata Orizzonte Scuola, sono state chiamate a intervenire durante le convocazioni dei docenti, con esposti annunciati per la Procura della Repubblica ma anche alla Corte dei Conti per presunti danni erariali commessi da alcuni UU. SS. RR., AA. TT. mentre fioccano i ricorsi al tribunale amministrativo e al giudice del lavoro per le decisioni assunte da Governo e Miur.

L’ultima denuncia, in ordine di segnalazione, arriva sabato 5 agosto 2017: Napoli, convocazioni per immissioni in ruolo da Gae per la scuola secondaria. Manca la pubblicazione delle graduatorie dopo le domande di aggiornamento delle riserve e la confluenza delle classi concorsuali. Convocazioni al buio, pertanto, per gli aspiranti che non conoscono il proprio punteggio o la propria posizione. E ancora ad oggi, a una settimana dal termine delle operazioni, la pubblicazione delle nuove Gae in tutta Italia è in progress, in violazione di ogni elementare principio di trasparenza. La fisionomia delle Gae potrebbe nuovamente cambiare, grazie ai ricorsi in corso di deposito per 10mila nuovi ricorrenti - che hanno chiesto l’inserimento o l’aggiornamento di punteggio e provincia - portato avanti da Anief.

Il Miur è responsabile della cattiva gestione dell’ultimo concorso, perché di fronte alle richieste di ammissione con riserva in sede cautelare alle prove concorsuali di alcuni ricorrenti - il cui diritto è stato riconosciuto dal Tar Lazio e dal CdS - ha preferito organizzare nuove prove suppletive che non è riuscito, però, a gestire: in 1600 candidati ancora devono essere giudicati, nonostante da Viale Trastevere fosse stato chiesto alle Commissioni di finire tutto entro giugno 2017. Alcuni UU. SS. RR., poi, hanno accantonato i posti ai ricorrenti vincitori delle suppletive dimenticando che le graduatorie di merito riguardano un’unica procedura concorsuale, mentre altri non hanno ancora pubblicato le nuove graduatorie di merito al punto di costringere i ricorrenti a chiedere l’intervento dei Carabinieri.

Nei giorni scorsi, d’altronde, si è capito subito che qualcosa non andava quando si è assistito all’improvvisa e schizofrenica pubblicazione di decreti di annullamento delle immissioni in ruolo avvenute l’anno scorso in alcune province, per alcune categorie di ricorrenti che erano stati inseriti in Gae con riserva. Altri, alla vigilia delle nuove assunzioni, si sono visti depennare nonostante la maggior parte abbia un contenzioso ancora pendente. A tutti questi ricorrenti licenziati o depennati, Anief nei prossimi giorni darà precise indicazioni per adire nuovamente la via giudiziaria e denunciare alla giustizia contabile quanto avvenuto.

Secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal, “Non si comprende, peraltro, perché il Miur non disponga la riassegnazione dei posti resi liberi in queste ore, perché assegnati da Gae negli anni passati e ora abbandonati per le nuove proposte accettate da GM da alcuni docenti. Al caos presso la struttura periferica del Miur si aggiunge la scelta incomprensibile del Governo di riconoscere l’idoneità all’ultimo concorso 2016 solo per la secondaria (dlgs. 59/17) e non per la primaria (L. 107/2015), tanto da costringere il giovane sindacato Anief a promuovere nuovi specifici ricorsi, mentre per il secondo anno consecutivo diversi vincitori dell’ultimo concorso si ritrovano al palo perché i posti banditi sono stati sottratti dal contratto sulla mobilità straordinaria”.

Dopo una settimana da incubo, ne aspettiamo una d’inferno. La struttura Anief, attraverso la sua rete di collaboratori presenti durante le convocazioni, continuerà a vigilare, a raccogliere tutte le denunce e a promuovere le opportune iniziative legali di tutela dei diritti lesi. Se sei risultato/a idoneo/a al concorso infanzia-primaria 2016, aderisci ai nostri ricorsi per avere la tua graduatoria di merito. Se hai vinto il concorso 2011 e non sei stata assunta, contattaci per avere il tuo ruolo.

 

 

Per approfondimenti:

 

Rinnovo statali, aumenti graduali dal 2017 di 60 euro netti: ne servivano 300. Così lo Stato ha risparmiato 70 miliardi di euro mal pagando i dipendenti pubblici

Il Governo diventa 'Robin Hood', ma i lavoratori della Scuola non risalgono la china: cosa cambia ad un bidello con 30 euro in più se il suo stipendio è di 1.008 euro?

P.A. e SCUOLA - Rinnovo contratto, i sindacati si apprestano a firmare ma i lavoratori non ridono

Fedeli auspica aumenti per i docenti. Anief: fa bene, servono 210 euro netti per ognuno

P.A. e SCUOLA – Contratto, i sindacati alzano la testa: no alle condizioni capestro del Governo

Rinnovo contratto, Madia: atto d’indirizzo entro l’estate per 56 euro netti. Per Anief non ci sono le condizioni

P.A. e SCUOLA – Riforma statali, c’è poco da ridere: stanziate un quarto delle risorse utili a un rinnovo del contratto equo, permane l’abuso di precariato

Fedeli rassicura sui tempi, ma i lavoratori chiedono garanzie sugli aumenti: dopo quasi 10 anni d’attesa non possono bastare 56 euro in più

Contratto, l’8 giugno parta la trattativa per il rinnovo della vergogna: 85 euro lordi ora pure in bilico

Contratto, domani al via incontri all’Aran: c’è l’accordo per la firma a giugno, ogni lavoratore perderà in media 6.600 euro per il triennio 2015/18

Contratto triennio 2015/18, Fedeli convoca i sindacati il 14 giugno: Anief e Udir chiedono di non firmare il rinnovo senza il recupero dell’inflazione

Fedeli vuole valorizzare i docenti con un acconto e cambiare la riforma Renzi solo per la scuola media. Anief: soluzioni di facciata

Rinnovo del contratto, convocate all’Aran le Confederazioni sindacali. Anief: tutto inutile se non si rimettono gli stipendi a livello dell’inflazione

Avviata la trattativa all’Aran. Marcello Pacifico (Cisal-Confedir): i dipendenti pubblici non sono figli di un dio minore

Docenti sottopagati, la Ministra è d’accordo col sindacato: ma ora lo scriva nell’Atto di indirizzo del rinnovo contrattuale

Docenti sottopagati, la Ministra è d’accordo col sindacato: ma ora lo scriva nell’Atto di indirizzo del rinnovo contrattuale

RINNOVO CONTRATTO P.A.– Mancano soldi per gli aumenti e il Governo riesuma Robin Hood nella foresta di Sherwood

Ocse: stipendi docenti a picco. Anief: basta palliativi, servono aumenti veri

Professione docente, malgrado tutto rimane le più ambita: in 700mila fanno domanda per le graduatorie d’istituto ed è boom di ricorsi

In Italia fare il docente non conviene: malpagato e ad alto rischio di incorrere in malattie professionali

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie