1180-ricorso-ds-3b 1

Le prove al via in autunno: si svolgerà una preselettiva, uno scritto e l’orale. Chi supererà le verifiche svolgerà un corso di 4 mesi e un tirocinio che durerà lo stesso periodo. Per accedere servirà la laurea e cinque anni di insegnamento, anche come supplenti, ma rimane il vincolo dell’assunzione a tempo indeterminato.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): con la sentenza 5011/2014, i giudici amministrativi del Tar del Lazio hanno ribadito che per partecipare al concorso per dirigenti non è indispensabile essere docenti già di ruolo. Siamo pronti ad impugnare il bando per illegittima esclusione dei docenti abilitati ancora non assunti.

 

Oggi il Miur ha reso pubblico il regolamento del corso-concorso per la nuova selezione di dirigenti scolastici: il testo è stato trasmesso oggi al Consiglio superiore della pubblica istruzione, subito dopo verrà esaminato dal Consiglio di Stato, prima della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Le prove prenderanno il via probabilmente in autunno. Il concorso prevede una prova preselettiva (50 domande a risposta chiusa), una prova scritta (5 domande a risposta aperta, di cui una in lingua, a scelta tra inglese, francese, tedesco, spagnolo, e una prova orale (sulle materie dello scritto, più le conoscenze linguistiche e informatiche). Chi supererà le verifiche svolgerà un corso di 4 mesi e un tirocinio che durerà lo stesso periodo. Il punteggio massimo ottenibile è: 100 per lo scritto, 100 per l'orale, 30 per i titoli. Scritto ed orale si superano con un minimo di 70 punti.

In attesa del completamento del concorso, per l’anno scolastico rimane confermata l’assunzione di appena 200 dirigenti scolastici, a scorrimento delle graduatorie del concorso del 2011. I requisiti d’accesso per partecipare al concorso per dirigente scolastico, rimangono il diploma di laurea e lo svolgimento di 60 mesi di servizio di docenza: se, da una parte, ha trovato accoglimento la richiesta del sindacato Anief di far valere anche il periodo di precariato non continuativo, il Ministero dell’Istruzione ha, invece, deciso di continuare ad escludere i docenti precari abilitati all’insegnamento.

Per il giovane sindacato si tratta di una decisione impugnabile. “Su questo argomento – spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal - la sentenza 5011/2014 del Tar del Lazio, i giudici amministrativi hanno ribadito che per partecipare al concorso per dirigenti non è indispensabile essere docenti già di ruolo. Sullo stesso piano si pone anche un’altra sentenza, sempre del TAR Lazio, la n. 9729 del 16 settembre 2014, patrocinata dall’Anief, attraverso cui si è stabilito che il servizio pre-ruolo deve essere valutato come quello di ruolo, seguendo quanto statuito dalla Corte di Giustizia Europea con la sentenza emessa nel procedimento C-177/10 pubblicata l’8 settembre 2011”.

Anief ricorda, infine, di aver predisposto apposito ricorso per far recuperare ai VICARI dei dirigenti scolastici l'indennità di reggenza e sostituzione (in media 5mila euro l’anno) che dal 2011 non viene più corrisposta (gli interessati possono cliccare qui).

 

 

 

Per approfondimenti:

 

Tar Lazio stabilisce che anche i supplenti possono diventare presidi: due insegnanti precari promossi a capo d’istituto

Concorso Dirigenti Scolastici – Consiglio di Stato dà ragione all’Anief e applica la direttiva comunitaria: il servizio pre-ruolo andava valutato come quello di ruolo

Da precari a presidi: parola del Consiglio di Stato

Nel 2015 il nuovo concorso per diventare preside, cade un tabù: varrà il servizio svolto da docenti precari

Concorso a dirigente, aperte le adesioni al nuovo corso Eurosofia

In arrivo il concorso per diventare presidi, rimane solo da sciogliere il “nodo” dei posti

Concorso dirigenti scolastici, è già caos prima di essere bandito

Anief apre alla tutela dei dirigenti scolastici, lasciati soli a gestire la riforma negli istituti

Dirigenti scolastici: manager, sceriffi o…figli di un Dio minore?(Studio di Tuttoscuola del 26 gennaio 2016)

Dirigenti scolastici: più responsabilità, stipendi all’osso e sugli arretrati tutto tace

Dirigenti scolastici, arrivano finalmente gli aumenti ma sono inadeguati: il Miur “dimentica” 63 milioni, pari a 400 euro al mese in meno a capo d’Istituto

Smontata la leggenda metropolitana degli stipendi principeschi dei presidi: la riforma gli ha portato più responsabilità, ma continuano a guadagnare la metà degli altri dirigenti

Dirigenti scolastici, siamo all’assurdo: il rinnovo contrattuale non riesce a coprire i tagli prodotti

Dirigenti scolastici, è allarme rosso: rebus stipendi, concorso in alto mare e da settembre 1 istituto su 4 in reggenza

Dirigenti scolastici, la proposta del Miur è irricevibile: aumenti solo per un anno, da settembre stipendi in calo

Dirigenti scolastici, il Miur decide come valutarne le loro performances ma il “premio” rimane ridicolo: 200 euro lordi al mese

Concorso per dirigenti scolastici, il bando sarà pubblicato entro un mese: al Miur ancora dubbi sui requisiti di accesso

Dirigenti scolastici, i tempi del concorso si allungano e il Governo annuncia la miseria di 200 assunzioni: anche il prossimo anno più di mille scuole rimarranno acefale

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie